Istituzionali

CORONAVIRUS - Una interessante guida informativa di Anap per gli anziani

 

 

L'ANAP, l'associazione anziani e pensionati di Confartigianato, ha predisposto una locandina contenente le indicazioni facilmente comprensibili per tutti e soprattutto per gli anziani, sui comportamenti responsabili e consapevoli da tenere in questo periodo di gravissima emergenza sanitaria.

Tutti sono invitati a darne attenta lettura

Decreto “Cura Italia”: in sintesi le principali misure ed una prima scheda analisi di Confartigianato

Riportiamo di seguito una sintesi delle misure contenute nel Decreto CURA ITALIA pubblicato ieri.

Precisiamo che siamo ancora tutti in attesa della pubblicazione delle linee giuda e delle istruzioni da parte del Governo, necessarie per comprendere l'esatta modalità e soprattutto TUTTI I NECESSARI CHIARIMENTI per accedere ai benifici da parte delle imprese, lavoratori e famiglie.

Attenzione: vi invitiamo a diffidare da qualsiasi indicazione ed istruzione fornita in queste ore da chiunque in ordine alle modalità di accesso ai benefici e soprattutto a fornire dati, documentazione o sottoscrivere dichiarazioni di sorta, cose che potrebbero addirittura rivelarsi dannose e contrarie ai propri interessi. E' indispensabile aspettare la pubblicazione delle linee guida che il Governo, insieme alle maggiori associazioni categoria del paese, Confartigianato in testa, stanno in queste difficili ore predispnendo in un corposo confronto.

Leggi tutto: Decreto “Cura Italia”: in sintesi le principali misure ed una prima scheda analisi di...

SEMPRE AL FIANCO DELLE IMPRESE ANCHE SE A MEZZO TELEFONO, MAIL E SOCIAL

 

Continua l'attività di Confartigianato, cambiano solo le modalità.

A seguito delle disposizioni governative previste per il contenimento del COVID–19 e considerato l'evolversi della situazione epidemiologica Vi informiamo che dal 12 al 25 marzo gli uffici della Confartigianato di Taranto rimarranno chiusi al pubblico.
L’operatività proseguirà sempre più intensamente, privilegiando però soluzioni alternative di contatto.
Al fine di evitare assembramenti negli uffici, l’incontro con gli utenti è previsto limitatamente a questioni inderogabili, esclusivamente previo appuntamento telefonico e rispettando le regole previste dalle disposizioni ministeriali.


Riportiamo di seguito i nostri contatti per questa emergenza:

- telefono 393 868 2016

- email  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">- pagina facebook   confartigianato taranto

Coronavirus 17.03.20 - cambia l'autocertificazione. Stretta per chi è in quarantena

 
 
 
C'è una quinta voce che si aggiunge alle quattro già preesistenti nell'autocertificazione necessaria per giustificare gli spostamenti. Ed è quello con cui da oggi in poi qualsiasi cittadino dovrà dichiarare di non essere soggetto agli obblighi previsti dalla quarantena per chi è stato trovato positivo al coronavirus o per chi è entrato in contatto con una persona contagiata.

Leggi tutto: Coronavirus 17.03.20 - cambia l'autocertificazione. Stretta per chi è in quarantena

Appello di estetiste e parrucchieri alla cittadinanza: Non rischiate la salute rivolgendovi agli abusivi

La gravissima emergenza sanitaria di questi giorni ha comportato pesanti provvedimenti governativi per il contenimento del contagio, fra cui la sospensione delle attività di servizio alle persone, e cioè la chiusura di parrucchieri, barbieri ed estetiste.

A questo punto, però, si ripropone in modo ancora più serio ed evidente il grande pericolo sanitario derivante dalle attività svolte, casa per casa, dagli operatori non in regola, dagli abusivi.

Attachments:
Download this file (APPELLO_BENESSERE.pdf)APPELLO_BENESSERE.pdf[ ]183 kB

Leggi tutto: Appello di estetiste e parrucchieri alla cittadinanza: Non rischiate la salute rivolgendovi agli...

CORONAVIRUS – Il Governo vara il decreto da 25 miliardi con le misure economiche per imprese e famiglie

 

Si è tenuta nel primo pomeriggio di oggi la conferenza stampa di presentazione del nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, definito “cura-Italia - MARZO”, (poi ce ne sarà anche uno ad aprile) contente le tanto attese misure economiche studiate dal Governo per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Sono previsti aiuti per medici, lavoratori, famiglie e imprese, sulla base di uno stanziamento iniziale di 25 miliardi e finanziamenti mobilitati per 350 miliardi.

Il premier Conte affiancato dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e dal ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, ha subito annunciato ulteriori futuri interventi per risollevare l’economia.

“Siamo consapevoli che questo decreto non basterà. Ma il governo oggi risponde presente e lo farà anche domani. Dovremo poi ricostruire il tessuto economico e sociale che uscirà fortemente intaccato da questa emergenza e lo faremo con un piano di ingenti investimenti e con una rapidità che il nostro Paese non ha mai conosciuto prima”.

“Il governo è vicino alle imprese, ai commercianti, ai liberi professionisti, alle famiglie, ai nonni, alle mamme e ai papà che stanno facendo un sacrificio per la salute di tutti. Possiamo parlare di modello italiano – ha continuato Conte – non solo per il contenimento del contagio sul piano sanitario, ma anche per quanto riguarda la politica economica per far fonte a questa grande emergenza. Questa è una manovra economica poderosa, non possiamo combattere un’alluvione con gli stracci e i secchi, ma abbiamo costruito una vera e propria diga protettiva per famiglie, imprese e lavoratori e vogliamo che l’Europa ci segua”.

In conclusione, il Presidente del Consiglio ha affermato: “Sono orgoglioso perché partecipe di una comunità che ho l’onore di guidare in un periodo così complesso della nostra storia. Alcuni italiani sono in trincea negli ospedali, in fabbrica, nelle farmacie o dietro ai banconi di un supermercato, tanti rimangono a casa ma non sono inerti, li sostengono dal balcone, dalla finestra, cantando l’inno nazionale. Possiamo essere orgogliosi di essere italiani, insieme ce la faremo”.

Il Ministro dell’Economia Gualtieri ha parlato di cinque assi di intervento, esordendo con un finanziamento di 3,5 miliardi per il Sistema sanitario nazionale e la Protezione civile.

Il secondo “asse” vale più di 10 miliardi e riguarda il sostegno all’occupazione, la difesa del lavoro e del reddito. Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha spiegato che sono previste risorse per 1,3 miliardi per il Fondo di integrazione salariale e 3,3 miliardi per la cassa integrazione in deroga che andrà a coprire anche le imprese con un solo dipendente.

Confermata da Gualtieri la “copertura” di tutti i lavoratori autonomi, stagionali e di altre forme con un assegno di 600 euro per il mese di marzo. Per gli autonomi e i liberi professionisti, in questo primo decreto sono stati stanziati circa 3 miliardi a tutela del periodo di inattività, prevedendo anche la sospensione dei contributi previdenziali, per tali categorie.

Prevista l’estensione del congedo parentale a 15 giorni o un voucher baby-sitter da 600 euro per chi ha bisogno di curare i figli. Novità anche sui permessi 104: per il periodo marzo-aprile saranno estesi a 12 giorni. Confermato l’intervento sul congelamento dei licenziamenti, riguardante riguarda le procedure dal 23 febbraio in avanti. Per i lavoratori in quarantena, si conferma il computo del periodo di astensione dal lavoro come malattia.

Il terzo “asse” riguarda il credito e le agevolazioni nell’erogazione di liquidità: sospese le rate di mutui prestiti, garantite con finanze pubbliche.

In campo fiscale, è stata confermata la sospensione degli obblighi di versamento di tributi e contributi: il ministro dell’Economia ha fatto riferimento ad un differimento al 31 maggio per le imprese che fatturano fino a 2 milioni; limite che andrà oltre per le categorie colpite direttamente dall’emergenza sanitaria e dalle misure di contenimento del contagio.

Il quinto “asse” riguarda misure proprio per alcune delle categorie colpite direttamente dalla crisi, tra i quali il trasporto merci.

Prossimamente pubblicheremo una sintesi con tutti i punti di interesse per il mondo delle imprese, trattandosi di un Decreto composto da ben 120 articoli.

EMERGENZA CORONAVIRUS - CHIARIMENTI PER LE ATTIVITA' DI PASTICCERIE - GELATERIE - PIZZERIE ASPORTO - GASTRONOMIE - PASTA FRESCA E PANIFICI

Devono restare chiuse le Pasticcerie e Gelaterie, anche se esclusivamente artigiane.Possono continuare la sola consegna a domicilio nel rispetto delle specifiche disposizioni anti-coronavirus e nel rispetto delle norme igienico sanitarie applicabili per confezionamento e trasporto degli alimenti.

Leggi tutto: EMERGENZA CORONAVIRUS - CHIARIMENTI PER LE ATTIVITA' DI PASTICCERIE - GELATERIE - PIZZERIE ASPORTO...

CRISI CORONAVIRUS - LE PROVVIDENZE DEL FSBA DELL'ENTE BILATERALE GLI ARTIGIANI CON DIPENDENTI. CONFARTIGIANATO TI ASSISTE

Il calo delle commesse e degli approvvigionamenti e la necessità di rispettare le misure restrittive imposte dal Governo per il contenimento del contagio, stanno costringendo molti artigiani a tenere a casa i propri dipendenti.

FSBA, il fondo di solidarietà  che gestisce gli ammortizzatori sociali di settore, costituito da Confartigianato Imprese e le altre parti sociali, ha provveduto ad allestire un apposito strumento di integrazione reddituale, di importo pari a quello dell’assegno ordinario (80% della retribuzione che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate) a supporto del reddito dei lavoratori delle aziende artigiane.

Leggi tutto: CRISI CORONAVIRUS - LE PROVVIDENZE DEL FSBA DELL'ENTE BILATERALE GLI ARTIGIANI CON DIPENDENTI....