Manutentori Termici e Idraulici

Impianti termici: per le operazioni di controllo e manutenzione l’Iva è al 10%

L'Agenzia delle Entrate ha confermato che la revisione periodica obbligatoria degli impianti di riscaldamento, condominiali o ad uso esclusivo, installati in fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata, ed il controllo delle emissioni degli stessi è da considerarsi manutenzione ordinaria e, in quanto tale, costituisce prestazione di servizi soggette ad IVA con aliquota del 10 per cento.

Leggi tutto: Impianti termici: per le operazioni di controllo e manutenzione l’Iva è al 10%

POST CONTATORE – Lettera al Presidente del Consiglio ed al Ministro dello Sviluppo Economic

In una nota inviata al Presidente del Consiglio Monti ed al Ministro dello sviluppo Economico Passera, il Presidente Nazionale di Confartigianato Impianti ha richiamato l’attenzione dell’Esecutivo su quanto sta accadendo nei servizi cosiddetti di “post-contatore” che consistono nella installazione, verifica e manutenzione degli impianti a valle del contatore installato presso l’utente finale e che suscitano viva preoccupazione tra le piccole imprese del settore.

Leggi tutto: POST CONTATORE – Lettera al Presidente del Consiglio ed al Ministro dello Sviluppo Economic

Il passaggio abilitazioni dalla 46/90 al decreto 37/08 va attuato d’ufficio dalla CCIAA

Il Ministero dello Sviluppo Economico, dopo quella che si è rivelata un’efficace azione sindacale da parte di Confartigianato, ha accolto le indicazioni sul passaggio delle abilitazioni dalla Legge 46/90 al Decreto Ministeriale 37/08.
Il Ministero, con circolare del 19 marzo 2012, ha recepito gran parte delle istanze artigiane, specificando che il passaggio delle abilitazione va attuato d’ufficio dalle Camere di Commercio e senza altri accertamenti sui requisiti professionali.
Nell’eventualità in cui la Camera di Commercio, nell’esame del caso concreto, non ravvisi continuità fra la classificazione riconosciuta ai sensi della Legge n. 46/90 e quella prevista dal DM n. 37/08, potrà - nella propria “autonomia decisionale” - ritenere necessaria la presentazione di una SCIA.
La circolare ministeriale chiarisce, inoltre, che il presupposto per le conversioni automatiche delle abilitazioni è la sussistenza dello stato di iscrizione al Registro Imprese o all'albo provinciale delle imprese artigiane "con continuità dalla data del 27 marzo 2008, nonché, almeno dalla medesima data, della corrispondente abilitazione acquisita ai sensi della Legge n. 46 del 1990 e senza che nel frattempo siano venuti meno i relativi requisiti in capo all'imprenditore o al legale rappresentante".
Esprimiamo profonda soddisfazione per un risultato che abbiamo ottenuto grazie ad un confronto aperto e chiaro.

Leggi tutto: Il passaggio abilitazioni dalla 46/90 al decreto 37/08 va attuato d’ufficio dalla CCIAA